Guida ai Bitcoin

Le origini

I Bitcoin nascono nel 2009 per opera di uno sviluppatore dallo pseudonimo Satoshi Nakamoto ma in realtà non si sa davvero chi li abbia inventati, se sia una sola persona o un gruppo di lavoro.

Satoshi Nakamoto è probabilmente solo un nome di fantasia che finora ha garantito l’anonimato alla persona o alle persone che hanno creato i Bitcoin.

Il Bitcoin fu la prima moneta digitale basata sulla rivoluzionaria tecnologia decentralizzata della Blockchain.

La storia

Nell’aprile del 2013, un Bitcoin valeva meno di cento dollari. Alla fine di quell’anno, balzò quasi fino a quota 1.000 dollari. Ma nel febbraio 2014, con il crollo di Mt.Gox, la piattaforma di scambio più grande al mondo, il prezzo tornò a scendere. Cominciò un periodo di crisi, che finì nel 2017, quando il valore della moneta digitale ricominciò una ascesa, che nonostante la forte volatilità, non si è più arrestata.

I Bitcoin, così come le altre criptovalute, si differenziano dalle normali valute Euro, Dollaro ecc… dette anche FIAT, per il semplice fatto che non fanno uso di un ente centrale, utilizzando un database distribuito in rete (Blockchain), che tiene traccia delle transizioni. Sfrutta la cittografia per gestire gli aspetti funzionali oltre che l’anonimato sulle transazioni.

I Bitcoin sono il futuro, ma anche il presente. In ogni caso sono la maggiore valuta virtuale esistente, e non solo la più famosa. Perché fare trading sui Bitcoin è diventato ormai un affare, probabilmente il più redditizio in questo momento. Tant’è che i broker di tutto il mondo si stanno specializzando su quest’attività e sulle piattaforme che la offrono.

Blockchain

La tecnologia blockchain è alla base del funzionamento dei Bitcoin, una sorta di libro contabile in cui sono registrate tutte le transazioni in Bitcoin fatte dal 2009 a oggi. Si tratta di un database distribuito che sfrutta la tecnologia peer-to-peer, per cui chiunque può prelevarlo dal web diventando quindi un nodo di questa rete. Attraverso questa modalità di verifica, non c’è bisogno del via libera di una autorità centrale di controllo per effettuare una transazione. È la blockchain a fare quello che normalmente fa una banca. Le transazioni sono rese possibili dall’approvazione del 50% + 1 dei nodi.

L’evoluzione ha fatto sì che oggi partecipare alle operazioni che confermano le transazioni richieda una grandissima potenza di calcolo. Infatti, esistono le – Mining farm – grandi strutture con migliaia di computer, collegati tra loro si occupano di confermare le transizioni.

Questo processo è detto estrazione, o mining, e recentemente si è iniziato a discutere del suo impatto ambientale, visto che questi centri consumano una grande quantità di energia.

Valore

Il valore dei Bitcoin è dettato dalla domanda e dall’offerta, cioè da quanto le persone sono disposte a pagarli. Il prezzo di un Bitcoin è calcolato sulla base del valore al quale è scambiato con le normali valute.

Quanti Bitcoin ci sono?

Il protocollo è stato sviluppato per un massimo di 21 milioni di Bitcoin estratti. Queste monete possono essere divise in parti più piccole (la parte più piccola è cento milionesimi) e sono chiamate Satoshi – dal nome dell’inventore Satoshi Nakamoto.

Differenza tra miner e wallet

Il Miner è un calcolatore preso dalla rete PTP di Bitcoin: serve a verificare la correttezza di un’operazione.

Mining – La pratica di assegnare il potere del computer per effettuare transazioni sulla rete ed essere ricompensati con token. Ogni transazione è criptata per mezzo di un’equazione che richiede una potenza di calcolo significativa per essere elaborata. I miner che risolvono prima l’equazione, consentendo in tal modo che la transazione abbia luogo, sono ricompensati con una piccola commissione.

Il Wallet è invece un programma che ti fa entrare nella rete Bitcoin: il portafoglio virtuale ha indirizzi e chiavi che ti aiutano a creare le transazioni economiche.

Wallet – un programma online o un programma del cliente nativo che consente agli utenti di archiviare, trasferire e visualizzare il proprio saldo. Diversi wallet (portafogli) supportano diverse criptovalute, con molti wallet che offrono supporto per varie criptovalute su un’unica piattaforma.

Quali sono le caratteristiche?

1. E’ decentralizzato

La rete non è controllata da alcuna istituzione centrale. Ogni computer che calcola e trasferisce Bitcoin fa parte della rete. Ciò significa che nessuna istituzione centrale può prendere decisioni di politica monetaria per la rete Bitcoin, o addirittura avere il potere di rimuovere i Bitcoin dagli utenti. Se il sistema dovesse andare offline per qualche motivo, i Bitcoin verranno comunque mantenuti. L’intero protocollo può teoricamente essere memorizzato su un disco rigido o addirittura stampato su carta.

2. E’ facile da gestire

L’apertura di un conto bancario o di un conto commerciale è spesso associata a ostacoli burocratici. Un account Bitcoin (Wallet), tuttavia, chiunque lo può aprire senza dover fornire alcuna prova.

3. E’ pseudo-anonimo

Gli utenti possono avere più account BTC (portafogli). A questi non vengono assegnati nomi, indirizzi di residenza o altre informazioni personali. Ma tuttavia non è vero che gli utenti sono al 100% anonimi.

4. I pagamenti sono trasparenti al 100%

La rete memorizza ogni singola transazione nella blockchain. La blockchain assomiglia a un enorme registro. Se qualcuno ha un indirizzo BTC pubblico, tutti possono vedere quanti Bitcoin ci sono in questo account. Tuttavia, non è possibile vedere chi possiede questo indirizzo BTC. Molti utenti hanno utilizzato indirizzi mutevoli e trasferito solo parti di Bitcoin in un unico indirizzo.

5. I costi di transazione sono bassi

Un bonifico bancario internazionale presso una banca convenzionale costa rapidamente un sacco di soldi. Con BTC non importa se il destinatario del trasferimento si trova a un chilometro o diverse migliaia di chilometri.

6. E’ veloce (peer-to-peer)

BTC può essere inviato ovunque e ci vogliono solo pochi minuti affinché la rete confermi il pagamento.Un trasferimento avviene da pari a pari, ciò nessun intermediario . A differenza dei bonifici bancari, la transazione avviene quindi direttamente e senza deviazioni da A a B.

7. Libertà personale

È una moneta libera, volta a proteggere le libertà personale di chi la utilizza.

Dove puoi comprare i Bitcoin

Le migliori piattaforme su cui comprare Bitcoin sono sicuramente Coinbase e Binance.

Come avere Bitcoin gratis?

Se vi accontentate di racimolare qualche spicciolo di Bitcoin gratis, la soluzione migliore sono i faucet.

Photo credit | Eivind Pedersen da Pixabay