Cosa sono i token crypto e come funzionano

Spesso si sente parlare di crypto token e criptovalute come se fossero due sinonimi per indicare le monete virtuali, ma in realtà tra i token e le criptovalute esistono delle differenze.

Le criptovalute, sono monete virtuali supportate dalla propria blockchain da cui possono essere estratte attraverso il mining, come ad esempio i Bitcoin o Ethereum, i crypto token o token invece sono costruite su delle blockchain già esistenti.

Cosa sono i token crypto e come funzionano su blockchain

Con questo termine si fa riferimento a dei gettoni crittografici generati all’interno di un network blockchain. Un token crypto può essere utilizzato per pagare dei servizi, per partecipare alla governance di un progetto, o per dimostrare la proprietà di un asset fisico o digitale. A differenza delle criptovalute come Bitcoin o Ethereum, i token non possiedono una blockchain dedicata, ma ne sfruttano una già esistente.

In realtà, “token” è solo un altro termine tecnico per “criptovaluta” o “criptoasset”. A seconda del contesto, tuttavia, viene impiegato, in modo sempre più frequente, con altri due significati. Nel primo caso è utilizzato per descrivere tutte le criptovalute tranne il bitcoin e l’ethereum che, dal punto di vista tecnico, sono comunque a loro volta token. Nel secondo caso viene impiegato per descrivere alcuni asset digitali gestiti tramite altre blockchain di criptovalute. Ne sono un esempio i token della finanza decentralizzata (o DeFi). I token offrono numerose opportunità; ad esempio, consentono di eseguire scambi decentralizzati e la vendita di articoli rari nei videogiochi. Al tempo stesso, possono essere negoziati e detenuti come qualsiasi altra criptovaluta.

“Token” è un termine, quindi, che si usa di frequente nel mondo delle criptovalute. Di fatto, dal punto di vista tecnico, tutti i criptoasset possono essere descritti come token. Esiste anche la parola “criptotoken” o denominazioni simili che fanno riferimento al bitcoin. Con l’andar del tempo, però, il termine “token” ha assunto in misura sempre crescente due significati specifici che, dunque, è molto probabile incontrare.

Infatti, il termine “token” si riferisce, come già detto prima, a qualsiasi criptovaluta tranne il Bitcoin e l’Ethereum che, dal punto di vista tecnico, sono comunque a loro volta token. Il termine “token” è utile e viene impiegato, invece, per denominare tutte le altre monete virtuali. Un altro termine che potresti incontrare, con lo stesso significato, è “altcoin”.

Esistono molti tipi differenti di token, ognuno con le sue caratteristiche e le sue funzioni.

A cosa servono i Token crypto

  • Utility token

Questi token sono integrati all’interno di un protocollo blockchain, e possono essere usati per fruire del servizio offerto da quel protocollo. Nello specifico, gli utility token vengono utilizzati per pagare le fee , oppure detenuti in staking per garantirsi l’accesso ad una piattaforma con dei tassi più vantaggiosi. Come ad esempio è il caso di CRO, token della famosa piattaforma crypto.com.

  • Governance token

Sono token speciali, impiegati nell’ambito della finanza decentralizzata e progettati per conferire ai loro titolari determinati poteri decisionali in merito a un protocollo o un’app. La decentralizzazione comporta, infatti, l’assenza di un’autorità centrale o di un consiglio di amministrazione. Il celebre protocollo Compound, molto utilizzato per i prestiti, ad esempio emette un token denominato COMP, a disposizione di tutti gli utenti. Il COMP conferisce diritti di voto per l’aggiornamento di Compound, in proporzione al numero di token detenuti.

  • Security token

I security token sono una nuova classe di asset digitali con l’obbiettivo di fornire un equivalente nel mondo blockchain alle securities tradizionali come titoli e obbligazioni.

Vengono utilizzati principalmente per la vendita di quote societarie (analogamente alla vendita di quote, anche sotto forma di frazioni, che avviene sui mercati tradizionali) o per altri progetti, ad esempio di natura immobiliare, senza necessità di un intermediario. Secondo le ultime notizie, importanti società e startup prendono in esame i security token come alternativa potenziale ad altri metodi di finanziamento.

  • Non fungible token (NFT)

I token non fungibili, conosciuti come NFT, permettono di identificare il proprietario di un asset digitale o del mondo reale. I token non fungibili rappresentano i diritti di proprietà su un asset digitale o reale attribuiti in modo univoco al titolare. Possono essere utilizzati per rendere più difficoltosa la copia e la condivisione di creazioni digitali. Basta pensare alla quantità di film e videogiochi diffusi in modo illecito tramite i siti Torrent per rendersi conto della problematica. Sono stati impiegati anche per lanciare opere d’arte digitali in numero limitato o per vendere asset virtuali esclusivi, ad esempio gli articoli rari nei videogiochi.

Esiste un altro tipo di token che sta spopolando sempre di più tra gli appassionati di sport: il fan token. I fan token sono gettoni digitali emessi da varie blockchain, come ad esempio Chiliz, grazie ai quali i club di varie discipline sportive possono interagire con i propri sostenitori.

  • Token crypto: fan token

Inter fan token: la famosa squadra di calcio milanese ha recentemente introdotto il proprio token. Grazie all’Inter fan token ($INTER) è possibile partecipare a pronostici, scommesse, sondaggi, estrazioni di biglietti e di sconti e cashback sul merchandising.

Juventus fan token: anche la squadra torinese di serie A non è da meno. Grazie a $JUV, il fan token Juventus officiale, è possibile influenzare le decisioni del Club, accedere ad esperienze VIP, vincere estrazioni e biglietti.

PSG token: un altro token molto apprezzato è quello appartenente al club Paris Saint Germain. Il ticker è $PSG.

ACMilan crypto: $ACM, questo è il nome del fan token della famosa squadra lombarda Milan.

Conclusione

Un token, dunque, è un’unità di valore generata all’interno di un dato ecosistema blockchain. Questa unità di valore è scambiabile dagli utenti, e può essere utilizzata per accedere ad un servizio, oppure conservata come investimento.

Disclaimer: Lo scopo di questo articolo è puramente informativo, educativo e/o di intrattenimento. La negoziazione e l’utilizzo di risorse finanziarie comporta sempre rischi significativi, inclusa la possibile perdita di tutte le risorse in portafoglio. Prima di effettuare qualunque operazione in questo ambito, assicurati di aver studiato e compreso a pieno quello che stai facendo e tutti i rischi connessi.

Seguici sui nostri canali social: 

Facebook | Twitter | Telegram | Instagram

Se sei nuovo e vuoi scoprire il mondo delle criptovalute, scarica GRATIS | LE NOSTRE GUIDE ESSENZIALI


Come comprare e vendere criptovalute in sicurezza?

Binance: il leader mondiale nell’acquisto / vendita di bitcoin e criptovalute.
Crea un account in pochi minuti

Coinbase: il modo semplice e sicuro di acquistare, gestire e vendere la tua criptovaluta.
Crea un account in pochi minuti e ricevi un bonus di $10 in Bitcoin

Crypto.com è sia un’app che un exchange. Iscriviti per registrare il conto sull’app e ottieni un bonus di 25$ con il codice referral drb6wjv625 Iscriviti a Crypto.com Exchange ed inizia a fare trading. www.crypto.com

eToro è una delle piattaforme più utilizzate e famose nel mondo delle criptovalute.