Cosa sono i CFD e come fare trading

CFD, acronimo di “Contratti per Differenza” ovvero gli strumenti finanziari più utilizzati dai trader per avere profitti. Con i CFD viene scambiata un’attività finanziaria, vale a dire la differenza tra il prezzo d’entrata e il prezzo di uscita.

Aprire un CFD non significa entrare in possesso direttamente dell’asset, ma, in altre parole, pronosticare sul suo andamento. Con i CFD si guadagna o si perde a seconda della differenza tra il prezzo di acquisto e quello di vendita, moltiplicato per il numero di CFD scambiati.

Come fare trading con i CFD

Fare trading con i CFD è molto semplice: basta scegliere una piattaforma di trading, seguire le procedure per la registrazione e dopo effettuare l’ordine per l’asset desiderato. Con i CFD, come detto prima, è possibile guadagnare, a seconda della posizione aperta, sia con un aumento del prezzo dello strumento, sia con una diminuzione del suo valore. Ovviamente le previsioni corrette genereranno utili quelle sbagliate saranno convertite in perdite.

Vantaggi

Attraverso i CFD è possibile fare acquisti con un click e chiudere posizioni in pochi secondi, comodamente dal proprio pc, smartphone o tablet. Questo è un vantaggio rispetto alla detenzione di titoli cartacei depositati in banche, che sono consultabili soltanto in determinati giorni della settimana.

I broker permettono di aprire posizioni più grandi rispetto a quelle definite dal proprio capitale. Una leva di 1:30 significa che è possibile operare con un capitale 30 volte superiore a quello depositato (questo è sicuramente un vantaggio), perché permette di iniziare a fare trading con un capitale sicuramente ridotto.

Profitto al ribasso: come detto in prima, fare trading con i CFD permette anche di aprire delle posizioni di tipo short o vendita, per cui è possibile trarre profitto anche con le quotazioni dell’asset al ribasso.

Quanto costa fare CFD trading

Per fare CFD trading basta iscriversi gratuitamente a una piattaforma broker. Queste ultime non hanno costi di iscrizione ma semplicemente applicano una piccola commissione, chiamata spread, in base alle posizioni aperte.

Come fare CFD trading con un conto demo

Ci sono tante piattaforme di trading che danno la possibilità di aprire un conto demo per esercitarsi con il trading.

Con un conto demo non ci sono rischi, ma si effettuano operazioni con del denaro virtuale. In maniera molto semplice, gli effetti sul proprio conto sono uguali a quelli che si avrebbero se il conto fosse reale, ma non c’è nessun rischio di perdita. Essendo il denaro virtuale, come ovvio che sia, anche il guadagno non e reale. Lo strumento è, però, ottimo per coloro che hanno appena iniziato e vogliono apprendere e testare le proprie capacità, o più semplicemente vogliono provare nuove strategie.

Ad esempio: attraverso l’utilizzo del broker, all’apertura del conto demo, la piattaforma di trading ci offrirà $10.000 virtuali per poter operare.

Possiamo scegliere tutti gli asset oppure si può scegliere di fare trading di criptovalute.

Trading CFD su Criptovalute

I CFD ci consentono di fare trading su criptovalute, ovvero di speculare al rialzo e al ribasso sulle quotazioni delle criptovalute.

Il CFD, acronimo di Contracts For Difference (Contratto per Differenza) è uno strumento finanziario che replica le performance di un altro strumento finanziario, chiamato sottostante o asset. Il valore, ovvero la quotazione di un CFD, dipende quindi da quello di un altro strumento, come ad esempio una criptovaluta.

Con i CFD se acquisti Bitcoin e il valore della moneta sale allora guadagni in continuazione fin quando il prezzo continua a salire e in base al capitale che hai investito. Con i migliori strumenti di trading è possibile acquistare CFD laddove ci siano le migliori condizioni di mercato.

Con i CFD puoi anche vendere Bitcoin perché il meccanismo funziona allo stesso modo ma al contrario. Se vendi i Bitcoin e il loro valore scende allora puoi guadagnare in proporzione alla loro discesa di valore. Inoltre, con i migliori strumenti di trading potrai eseguire questa tipologia di ordine in modo professionale o se preferisci fare pratica con un conto demo gratuito.

Trading CFD su Forex

I CFD permettono di operare nel panorama del mercato valutario. Si tratta, pertanto, di aprire posizioni che, come abbiamo detto in precedenza, possono essere al rialzo o al ribasso, su coppie valutarie. Queste ultime vengono effettuate su valute prese a coppia: vengono, pertanto, chiamate coppie valutarie.

Un esempio: EUR/USD, oppure EUR/GBP.

Fare trading CFD su Forex comporta gli stessi vantaggi elencati in precedenza: ovviamente, nella scelta della piattaforma di trading adatta, è conveniente cercare quella con il minore spread.

Per il trading CFD su Forex, alcuni tra i siti più importanti mettono a disposizione la piattaforma MetaTrader 4, molto utilizzata dai trader professionisti.

Trading CFD su Azioni

Aprire un CFD azionario non dà tutti i diritti delle azioni. Non essendo in possesso direttamente dell’asset, non si ha, per esempio, la possibilità di votare alle assemblee. Quello che si ottiene è semplicemente un guadagno (o una perdita, nei casi negativi) in base alle variazioni del valore delle azioni.

Trading CFD su Indici

Tra gli indici più importanti ricordiamo ovviamente il Dow Jones, il FTSE MIB di Piazza Affari oppure il NASDAQ. Questi ultimi racchiudono, di solito, i titoli azionari o di media capitalizzazione. Aprire un CFD sugli indici significa, fondamentalmente, seguire l’andamento di futures sugli indici.

Trading CFD su Opzioni

I CFD sulle opzioni permettono di aprire posizione sui Call e Put di opzioni su indici o di altro genere. Non sono e non vanno confuse assolutamente con le opzioni binarie. Questi CFD possono avere come sottostante delle opzioni classiche, cioè degli strumenti finanziari che offrono il diritto e non l’obbligo di poter esercitare un’opzione di acquisto o di vendita su un titolo. Come per qualsiasi altro tipo di CFD, è possibile negoziare al rialzo o al ribasso sulle opzioni.

Trading CFD su Materie Prime

Le materie prime più famose sono petrolio, oro, argento, rame, ma non solo; ci sono anche altre tipologie come quelle alimentari, ad esempio il caffè e lo zucchero, o il gas naturale. Fare CFD Trading di materie prime significa comunque avere una cultura, in quanto i valori di esse sono molto volatili. Hanno come sottostante i futures sulle materie prime, che sono suddivisi in base, oltre che alla loro tipologia, che abbiamo appena citato, anche in base alla loro scadenza.

Trading CFD su ETF

ETF sta per Exchange Traded Fund e si tratta di titoli che fanno parte di fondi ma che vengono scambiati come azioni. Siamo a contatto, dunque, con uno strumento finanziario che si trova a metà tra un fondo, per via dell’ampia diversificazione, e un titolo azionario. Gli ETF sono contraddistinti da bassi costi gestionali e da alta liquidità: attraverso i CFD possono essere scambiati al ribasso e al rialzo semplicemente e con una buona varietà di fondi.

Trading CFD su Obbligazioni

Questo tipo di CFD è molto simile a quello per le azioni. Fare CFD Trading di obbligazioni significa, sostanzialmente, replicare l’andamento di alcuni titoli obbligazionari che hanno una priorità maggiore rispetto alle azioni. Come nel caso di tutti i Contratti Per Differenza, è possibile aprire posizioni sia al rialzo che al ribasso.

Svantaggi

Gli svantaggi sono gli stessi che si hanno per tutti gli altri tipi di investimenti.

In particolar modo, alcuni mercati, come quelli delle criptovalute, sono soggetti a forti variazioni, quindi di alta volatilità. Per questo è necessario utilizzare delle strategie specifiche.

Inoltre, bisogna ricordarsi che l’effetto leva aumenta l’esposizione del proprio capitale nell’investimento, quindi, qualora non si effettui la previsione corretta, anche la perdita agirà con la leva.

I CFD non sono più rischiosi rispetto agli altri investimenti, ma utilizzando la leva finanziaria ci si espone di più sul mercato.

Ovviamente è possibile anche investire senza utilizzare alcuna leva, in questo caso il rischio sarebbe limitato al proprio investimento.

Imparare a fare trading CFD

Se non avete mai fatto trading consigliamo di provare con un conto demo, un modo utile per fare pratica, presente nella maggior parte dei brokers.

Ovviamente, anche per il CFD Trading è fondamentale l’apprendimento. Tra le migliori piattaforme di trading, ne esistono anche alcune che offrono la formazione degli utenti, rilasciando video corsi ed ebook in maniera completamente gratuita.

Migliori piattaforme trading di criptovalute:

Conto Demo: NO

Trading criptovalute

Acquisto Bitcoin con Visa

Visita il sito ufficiale

Conto Demo: SI

Trading da 10 €

Licenza CySec

Visita il sito ufficiale

Conto Demo: SI

Licenza CySEC, FCA, ASIC

Cripto, Azioni, Etf, Indici

Visita il sito ufficiale

Conto Demo: SI

100 € Deposito minimo

Licenza ASiC, CySEC, FCA

Visita il sito ufficiale

Avviso di rischio

Il trading CFD comporta un sostanziale rischio di perdita. Una percentuale di investitori tra 74 e 89% perde il proprio denaro durante il trading CFD. Dovresti assicurarti di aver compreso il funzionamento dei CFD e considerare se puoi permetterti di correre il rischio di perdere il tuo denaro.

Disclaimer

Le informazioni contenute in questa pagina non costituiscono invito all’investimento ma rappresentano esclusivamente le opinioni degli autori relativamente agli argomenti trattati. Gli autori non sono dei promotori finanziari e non si propongono come tali. Chiunque decida di investire il proprio denaro dopo aver letto questi contenuti lo fa a suo rischio e pericolo assumendosene la piena responsabilità.

Non investite mai ciò che non potete permettervi di perdere.

Ricorda che fare trading mette a rischio il tuo capitale, e che per raggiungere buoni risultati bisogna essere disposti all’apprendimento, allo studio, alla disciplina ed avere dimestichezza con gli strumenti da utilizzare.